Crea sito

Il magazine dell'Innovazione pianistica

Interpretazione

Comprendere l’essenza, per interpretare.

Suonare Mozart “aprendo”

La musica di Mozart, come i lettori di questo magazine ben sanno, è una fantastica combinazione di movimento laterale con centrale che apre. Tonteria mischiata al dramma, il tutto a grande velocità. Una fantastica combinazione che rende il suo pianismo…

Il grande narratore

Il lettore che mi segue da tempo immaginerà subito di cosa sto parlando e chi sia, della mano pianistica, questo grande bardo che non si può esprimere, perché non ancora riconosciuto nè tanto meno oggettivato dalla tecnica pianistica ufficiale: il…

Arthur Rubinstein, intelligenza linguistica e pianoforte

Ho pubblicato di recente un articolo che mette in correlazione le intelligenze multiple con le Osei e che vi invito a leggere per approfondirlo qui a livello pianistico. Eccolo. Ho parlato più volte del grande pianista Arthur Rubinstein in relazione…

Il punto vivo della respirazione, per pianisti

Altezza L4, lato esterno sulle anche… Non lasciatevi impressionare, lo troverete ad istinto e lo vedete in azione osservando il pianista Yundi Li, per attingere alla fonte della respirazione poco prima di un concerto (in questa immagine sta per suonare…

Il grande metabolizzatore

Uno dei pochi pianisti che sa sempre suonare legato dice di lui Simon Rattle, un pianista che sa far passare  la musica da dentro, aggiungo io e per chi è abituato a leggere le pagine di questo sito, che in…

Può essere solo un’alimentazione differente

Una così marcata differenza di tecnica pianistica, una facilità e diversità che non può essere assimilata ad una scuola, non può trovare altra spiegazione che in un’alimentazione completamente differente, quella orientale, aliena al glutine per esempio. Il gioco del polso…

Individuando le “zone penultime”

Per suonare efficacemente Beethoven al pianoforte e interpretarlo in modo conforme alla sua naturalezza, aiuta in modo incredibile saper individuare le “zone Penultime”, ovvero tutto il materiale sonoro immediatamente prima e dopo gli accenti dinamici portanti. E’ quello che mi…

L’utilizzo consapevole dei polpastrelli

L’istinto di un interprete ha sempre una logica naturale. Chi ha sperimentato gli esercizi sui polpastrelli relativo alle tre posizioni per ogni polpastrello (centro e due lati esterni) si sarà reso conto sorprendendosi di come una differenza minima comporti una partecipazione…

Le nuove partiture con i colori dei 5 movimenti

A partire dal 2012 cominciai ad utilizzare nei miei articoli estratti di partitura con i colori dei 5 movimenti con il semplice proposito di  chiarire alcuni concetti. Movimento verticale e “tensione” verso il melodico nella partitura pianistica di Gershwin O…

I sogni segreti di Robert Schumann

Sessualità potente, passionalità da vendere. Certamente la Osei Centrale apparteneva alla vita di Robert Schumann, così come la sua capacità di vedere al microscopio il mondo letterario. Ma anche la lotta. Lotta per conquistare Clara, lotta per imporsi, per decidere…

La tecnica del peso e le Tre regioni

Una testimonial d’eccellenza la pianista russa Valentina Lisitsa. Non solo perché è brava, non solo perché i pianisti russi sono dotati di default della capacità di pesare il braccio, ma anche perché, da appassionata youtuber come me, ha inventato questo…

Osei di taiheki e repertorio

Il piacere e il rifiuto la simpatia e l’antipatia si manifestano a livello spontaneo. Questo fenomento è per noi osservabile facilmente attraverso le Osei predominanti nella combinazione unica e irripetibile che definisce la totale unicità e irripetibilità di ciascun individuo.…

Esercizio di respirazione per mantenere il peso del braccio

E’ opportuno che ogni buon pianista prenda la buona abitudine di portare l’attenzione sull’espirazione. Come il cantante sotto stress perde l’appoggio diaframmatico e comincia a “spingere” con la laringe, così il pianista perde il “peso” e comincia ad “artigliare” con…

Il respiro del pianista

In attesa di espirare, il pianista inspirò espressivamente alla prima nota e non espirò fino all’ultimo; la musica diventò blu e alla fine svenne. Jura Margulis Ho già parlato della respirazione del pianista per cui rimando il lettore interessato a…

Movimento centrale, quasi puro

Occhi che guardano e non guardano, corpo compatto, aspetto totalmente interiorizzato. Siamo in presenza di un movimento centrale molto evidente nel compositore Arvo Part. Come i lettori già sanno tutto questo si riflette nella musica per pianoforte: tempo praticamente sospeso,…

Chi ha veramente fatto indigestione di Chopin?

Ovvero come il pianista può trarsi d’impaccio quando due movimenti diversi sono canalizzati. Ferruccio Busoni, riferendosi allo stile pianistico del primo Scriabin, parlava – in modo di certo non lusinghiero – di indigestione di Chopin. Da collega autodidatta come lui,…

E’ difficile solo ciò che non è proprio

Un piccolo documento che aprirà nuovi orizzonti all’insegnante di pianoforte e sconcerterà l’amatore, abituato a considerare i propri pianisti preferiti come dei supereroi… In questo estratto di documentario, il grande pianista György Cziffra confessa la sua difficoltà di fronte all’esecuzione di…

Perché il pianismo di Mozart non può funzionare

Immaginate Scriabin e la sua quinta sonata eseguita su di un fortepiano di fine 700. Difficile esprimerne il contenuto, impossibile nel caso non l’abbiate mai sentita al pianoforte. Mozart, un tantino in avanti per i suoi tempi (sua è la…

Il pianismo del giovane Franz Liszt

Se date una lettura alla partitura dell’op. 1 di Liszt, poco più che adolescente e ancora infarcito delle lezioni di Czerny, scoprirete qualcosa di sbalorditivo: che la struttura e la matrice dei futuri studi trascendentali, è contenuta in queste prime…

Com’è la scrittura del più grande pianista virtuoso mai esistito?

Le nuove teorie della fisica sulla creazione dell’Universo parlano di un qualcosa, di una forma di energia che si crea ed opera muovendosi tra destra e sinistra… Si sta parlano del movimento intelligente vitale laterale, protagonista assoluto anche della scrittura…