Crea sito

Il magazine dell'Innovazione pianistica

Effetto Chopin

Chiudo, ergo spazializzo

Mi è capitato recentemente di suonare per un evento:

accompagnando l’entrata delle persone, man mano sempre più numerose, ho dovuto ben presto cercare il repertorio più adatto per “farmi sentire”, quando  mi sono reso conto per puro caso…che Chopin funzionava alla perfezione.

Ho cominciato allora ad interrogarmi su cosa faccia concretamente “spazializzare” il suono del pianoforte ovviamente oltre ad un buon pianista e ad un buon pianoforte…

Chopin – come i miei lettori già ben sanno  – ha una triplice natura, formata dalla mescolanza unica di tre movimenti vitali, il frontale (l’insegnante illuminato, il creatore di un nuovo pianismo, gli Studi, i tempi in quattro) il centrale (il poeta, il creatore, l’innovatore, il fidanzato della Sand) e il laterale (il parigino da salotto, la sciarada di timbri delle mazurche, la leggerezza dei valzer, i tempi in tre).

Dei tre, la capacità di spazializzare è sicuramente legata al movimento centrale, centrifugo, che sa quindi come concentrare l’energia sonora e ci spiega – per la gioia dei musicologi – come Chopin potesse permettersi di utilizzare poco suono e perché – data la tendenza diametralmente opposta ad aprire – Liszt è costretto ad impiegare l’artiglieria pesante (doppie ottave e arpeggi accompagnati) per produrre suono-

Come fare concretamente? Portate una piccola attenzione sulla parte interna dei mignoli sentendo come  tutto il corpo facilmente risponderà ad un movimento verso dentro. Il movimento centrale è contemporaneamente psichico, vi permetterà di stare tranquilli, dentro voi stessi, con un suono… ben spazializzato.

Segnalare la parte interna dei mignoli

Di entrambe le mani...

Attiva a livello globale un movimento centrale e verso dentro di tutto il corpo, finalmente coordinato a mani e dita in un’attività coordinata.

La zona "penultima"

Movimento centrale

Quando si attiva, la mano si compatta, le dita funzionano a partire dalla loro radice, in modo veloce, quasi senza bisogno di articolare, come tenessimo una pallina da tennis sotto il palmo.