Crea sito

Il magazine dell'innovazione pianistica

Osservazione del movimento

5 osei, 5 protagonisti per la tua interpretazione

In questo video spettacolare, per l’ambientazione, per il suono che riesce ad ottenere Kristian Bezuidenhout

riuscite a vedere, in modo inequivocabile come l’artista utilizzi le 5 osei per “cavar fuori” la musica dal proprio strumento. In modo concreto, reale.

Da quello frontale passivo unito al rotatorio per “scolpire” l’incipit, daandogli ritmo e sonorità allo stesso tempo (fino a 00:41, il pollice in evidenza).

Da 00:56 decisa inclinazione verso destra per “cantare” al massimo grado, improvviso compattamento per rendere al massimo grado i fortissimi, l’evidente andare verso l’alto per cesellare la precisione melodica del finale.

Uno spettacolo da non perdere. Mozart – Kristian Bezuidenhout – 5 Osei.

Tutte cose che il pianista, con i sontuosi strumenti ha dimenticato?

Comments (1)
  1. michele rossini ha detto:

    interprete completissimo.
    Mozartiano puro…!!!!